Trofeo Bustelli

BY IN Home, News NO COMMENTS YET , ,

Sabato 1 e domenica 2 febbraio alla piscina comunale di Lugano si sono dati appuntamento tutti i giovani nuotatori ticinesi e con loro molti pari età italiani per dar vita al 37° Trofeo Internazionale “Flavio Bustelli”.

Essendo un meeting giovanile, quest’anno potevano partecipare gli atleti nati tra il 2004 e il 2009 divisi, ovviamente in 3 categorie (04/05-06/07-08/09).

La NUM nonostante qualche assenza importante per malattie di stagione si è come al solito ben comportata facendo registrare da parte dei suoi atleti parecchi record personali, presenziando numerose finali, salendo sul gradino più alto del podio con Matilde Bonoli e Giulia Capuano e aggiudicandosi la medaglia d’argento con Emma Milan e quella di bronzo con Simone Alberti.

Partendo dalle medaglie d’oro, Giulia Capuano ha letteralmente dominato la velocita nello stile libero vincendo i 50 e 100 sl limando i propri record personali. A proposito di Giulia c’è da aggiungere che probabilmente avrebbe vinto anche i 100 delfino e 200 misti se non fosse incappata in 2 squalifiche che hanno lasciato l’amaro in bocca.

Matilde Bonoli si è messa al collo la medaglia d’oro nei suoi 200 dorso, distanza che nuota oramai con sicurezza tattica e dove, indipendentemente dal carico d’allenamento, riesce a mantenere uno standard di prestazioni sempre alto.

Primo podio al “Trofeo Bustelli” per Emma Milan che nei 200 rana si è piazzata al secondo posto facendo intravedere buone qualità in questo stile. Emma si è poi piazzata al 4° posto nella finale dei 200 sl.

Chi è salito sul terzo gradino del podio è stato invece Simone Alberti nei 200 dorso grazie ad un miglioramento di ben 3 secondi dal tempo delle batterie. Per lui anche una buona finale nei 100 rana dove, con 1.10.42 ha eguagliato il proprio record.

Bravissima è stata anche Sheila Canevese che stracciando i propri record personali nei 200, 400 stile libero e 100 dorso si è qualificata per le finali ottenendo due quinti posti e un sesto.

Finale e 6° posto in classifica anche per Giovanna Cavadini nei 100 rana che proprio in finale si è avvicinata al proprio record stagionale.

Ma le soddisfazione per gli allenatori NUM non finiscono con le medaglie e con le finali ma arrivano anche, e soprattutto, dai continui miglioramenti dei record personali da parte della maggior parte degli atleti impegnati in questa gara e ai quali vanno i più sinceri COMPLIMENTI!!!!!!